40 carte per giocare e progettare

Venerdì 28 Novembre 2008, presso il gruppo Loccioni, Isao Hosoe, designer giapponese vincitore di quattro compassi d’oro, ha presentato Play40: come farsi venire nuove idee giocando a carte.

Friday 28th November 2008, the Japanese designer Isao Hosoe (winner of four Compassi d’Oro) presented,  in Loccioni Group, Play 40: how get new ideas playing cards.

 

Play 40 è il gioco delle 40 carte creative: attraverso il collegamento di carte-parola,  carte-immagine, carte-suggestione, di incredibile profondità e leggerezza, i giocatori (bambini, adulti, manager, progettisti, persone, insomma) maneggiano in realtà strumenti per progettare, per scoprire nuove idee e sviluppare capacità creative.

Play 40 is the game of the 40 creative cards: through the incredibly light but deep association cards-word, cards-image, cards-suggestion the players (children, grown-ups, managers, designers, people) deal with real tools to design, to find out new ideas and develop creative skills.

 


La carta “neomadismo” ci porta indietro di milioni di anni e in avanti verso il futuro; la carta “energia comportamentale” ci fa comprendere come l’ombra e non l’ombrellone sia il vero progetto; la carta “bricoleur” ci fa mettere insieme cose che apparentemente appartengono a mondi diversi; mentre la carta “mana-shiki”ci invita ad usare il settimo senso (l’emotività) nel percepire la realtà.

Neomadism” card leads us back to millions of years and at the same time towards the future; “behavioural energy” makes us understand how the real project is the shadow and not the parasol;  “bricoleur” card teaches us how to put togetherthings that apparently belong to different areas; while “mana-shiki” card invites usto use the seventh sense (emotionalism) to perceive reality.

Con Play40 si possono inventare tanti modi di giocare, perché lo scopo non  è il cosa ma il come si gioca. Una sola regola è d’obbligo: “svuotare la testa prima di iniziare a giocare -ci suggerisce Isao Hosoe- solo così si otterranno le migliori performance creative”. Con Play 40 il gioco diviene la chiave fondamentale per la conoscenza attiva e per le scoperte innovative verso se stessi e verso gli altri.

With Play40 it is possible to invent different ways to play, since the aim is not what but how we play. An only rule is important: “empty our head before starting to play –as suggested by Isao Hosoe- this is the only way to get the best creative performances”.  With Play 40 the game turns out to be the fundamental key for the active knowledge and for the innovative discoveries towards ourselves and the others.

 

 

Lorenzo De Bartolomeis presenta Play40

I Commenti sono chiusi